Anonymous sull’ILVA di Taranto. Semplicemente grandi.

Ilva taranto: We do not forgive, We do not forget


PRESS ITA

Oggi, quando entrerete in fabbrica, saranno le 8 del mattino, ma quando uscirete sarà già buio. Per voi la luce del sole, oggi, non splenderà. (dal film “La classe operaia va in Paradiso“)

La  spietata logica del profitto ci costringe a lavorare per sopravvivere, e ciò è di per sé disumano, ma nessuno può chiedere ad un essere umano di  lavorare  per morire.
Nessuno può utilizzare una Persona come pedina per far pressione sulla politica al fine di aumentare il profitto.
Lo sappiamo, e lo sapete, acciaierie come l’Ilva provocano malattie terribili.
Guardiamoci attorno: le amministrazioni comunali, provinciali e regionali hanno  abbandonato Taranto;  stanno trasformando la città in una discarica a cielo aperto. In pochi  anni sono stati costruiti 4 inceneritori.Che futuro possiamo avere in  queste condizioni?

OPERAIO!
Nessuno è moralmente autorizzato a chiederti di sacrificare la vita; neanche  tua  moglie o i tuoi figli. Nessun ideale o bisogno materiale vale la tua esistenza.
Operai, occupiamo la fabbrica e sabotiamo ogni impianto!
L’Ilva di Taranto non è altro che un lager che devasta l’ambiente e lede il diritto alla vita.
Costringere un uomo a scegliere fra lo stipendio e la salute è non solo un deplorevole ricatto, ma anche una gravissima infrazione del diritto di ogni persona a poter esercitare un mestiere nel rispetto delle normative vigenti (in materia di sicurezza sul lavoro e protezione ambientale). Ci sentiamo offesi innanzitutto come Persone: numerosi lavoratori rischiano la vita ogni giorno,  avvelenati dall’ alta tossicità di  quei luoghi, per portare a casa un misero stipendio. Siamo fortemente indignati anche come Cittadini: questa azienda non si preoccupa minimamente dei suoi dipendenti e non mette in atto le strategie e i protocolli atti a tutelarli.
Lavoratori! Difronte al ricatto di chi vi costringe a scegliere tra il diritto alla vita ed uno stipendio infimo l’unica scelta sensata è lottare almeno perchè ogni cittadino, che lavori o no abbia un assegno mensile che gli permetta di vivere dignitosamente.
Ogni essere umano per il fatto stesso di esistere ha diritto a tutti i mezzi necessari alla sua vita e allo sviluppo della sua personalità. vedi la nuova dichiarazione dei diritti umani dell’ecosistema e degli animali
http://pastebin.com/4nK6TffS ) #DeclarationChan

Come si evince dal cosiddetto “codice etico” dell’azienda, la tutela sanitaria è non solo un dovere, ma anche una  priorità innegabile, nonchè un diritto inviolabile. Ecco alcuni passaggi  tratti  dal documento:
2.1 DIGNITÀ, SALUTE, SICUREZZA E PARI OPPORTUNITÀ SUL LAVORO:
La  Società tutela la dignità, la salute e la  sicurezza sul lavoro, attraverso l’applicazione di tutte le normative  vigenti in materia.  La Società, essendosi sempre distinta nel campo  della protezione della salute umana e  della difesa dell’ambiente,  promuove e protegge la salute dei propri  collaboratori.
 7.1.2 RAPPORTI CON GLI OPERATORI SANITARI:
La   Società si impegna, allo scopo di tutelare la salubrità dell’ambiente   in cui svolge la propria attività, a conformare il proprio  comportamento  alla normativa sanitaria e/o ambientale vigente. A tal  proposito, la  Società conferma il proprio impegno nel rispetto delle  direttive emanate  dalle competenti autorità sanitarie locali e  nazionali; un trasparente e  collaborativo rapporto con le autorità in  campo sanitario costituisce  un criterio guida nello sviluppo dei propri  programmi industriali e  commerciali.

Come   viene sopracitato, questi diritti di tutela verso i lavoratori dovrebbero essere rispettati poiché conformi alle norme imposte  dall’azienda stessa. Invece, come numerose testimonianze e condanne subite dalla società confermano, niente di tutto ciò esiste:  la storia dell’Ilva è la storia di una fabbrica perennemente manipolata  dagli artigli di chi baratta salari col veleno per ingrassare le  proprie tasche.
Già  nel lontano 1982, il Direttore dell’allora Italsider subì una condanna  per “getto delle polveri”; vent’anni dopo, il magnate Emilio Riva viene  condannato per i cosiddetti “parchi minerali”, con accusa di getto  pericoloso di cose e violazione dell’articolo 13 del Pdr 203-244 maggio  1988; nel 2007, lo stesso Emilio Riva viene condannato per estorsione  (ricatto occupazionale) e truffa (incasso dei contributi Inps attraverso  le assunzioni dalla mobilità); inoltre, sia lui che suo figlio Claudio  vengono interdetti dall’esercizio di attività industriale.
Siamo  davanti ad una vera mancanza di  umanità e  responsabilità da parte  di questi datori di lavoro. Gli  operai sono costretti ad interminabili turni, trattati quasi come  bestie, condannati a rinunciare alla salute. Il  rispetto e la tutela per la Persona devono essere una priorità, non un optional.

I  colpevoli hanno avvelenato le coscienze e i corpi di chi è stato costretto a vivere per lavorare; hanno tarpato le ali a settori  occupazionali che avrebbero altrimenti trovato una rigogliosa espansione;  hanno obbligato gli abitanti di un’ intera città a respirare la tossicità  dell’accumulazione del Capitale sprezzante dei Diritti Umani.
Siamo vicini alle famiglie di chi si è spento, avvelenato dalla sete incondizionata di vili profittatori.
Siamo  vicini a chi ancora lotta per sopravvivere e trascina ogni giorno la  sua malattia, messo spalle al muro da uno Stato che copre la sua sporca  coscienza con miseri indennizzi, e dietro le quinte stringe loschi  accordi con i padroni.
Disprezziamo  l’operato di chi, con i propri tentacoli, ha elargito ricatti  lavorativi e seminato menzogne cavalcando accordi e deroghe in barba  alle leggi sulle emissioni: lucrare sulla pelle dei Cittadini,  trincerandosi dietro protocolli d’intesa e burocrazia, è una forma di  criminalità legalizzata.

We are Anonymous
We are Legion
We do not Forgive
We do not Forget
Expect Us!

Muore di noia, ragazzo di 25 anni.

New York – 25 giugno 2012 – Un ragazzo di 25 anni, Albert Tryggle, si suicida immergendosi nella vasca e muore folgorato dopo aver gettato un phon acceso lì dove faceva il bagno. Non è stato un incidente, il gesto premeditato è stato compiuto perché:

Sono stanco di vivere. Stasera, dopo sei sere consecutive, ho chiesto ai miei amici di uscire con me. Mi hanno risposto in svariati modi, ma tutti hanno rifiutato. Chi per una partita, chi perché non voleva uscire, chi perché usciva con il fidanzato o la fidanzata, chi perché doveva già uscire con qualcun altro (e non mi ha nemmeno invitato). Stasera vorrei solo far finta di morire, per vedere cosa mi scriverebbero sul mio profilo Facebook o su Twitter. Magari saranno in molti a scrivere ‘mi manchi’, in molti ricorderanno i momenti belli passati con me, in molti ancora, senza neanche conoscermi bene, faranno finta di piangere ogni giorno per la mia assenza. Ma far finta di morire non farebbe lo stess’effetto che morire per davvero. Quindi cancello il mio profilo da Facebook e quello su Twitter. Cancello ogni traccia di me. L’unica cosa che non potrò evitare sarà quella di ricevere i loro sporchi fiori al cimitero. Ma se leggerete questa lettera, vi prego, evitate.

Questa la lettera lasciata dal ragazzo, da togliere il fiato.

“Mi stavo per suicidare, quando Google+ mi ha salvato la vita”



La follia non ha limiti. Pur di indurti a iscriverti, ad aggiungere tanti “amici”, Google+ mi ha detto che “potrei soffrire di solitudine”. La mia prima reazione è stata un sorriso, con retrogusto amaro. Perché questo retrogusto? Io mi reputo abbastanza intelligente da non cadere in simili ‘trappole’, ma mi chiedo come reagirebbe un ragazzino o una ragazzina di fronte a un simile messaggio. Questi social network nel momento in cui cercano di farci interagire con tutti, in realtà ci privano della scelta. Ci mettono di fronte a un bivio, dove da una parte troviamo il mondo del social network, pieno di amici.. Dall’altra la solitudine.

Sarò io che mi faccio mille complessi di tutti i generi, ma qui mi pare che si stia rasentando la follia.